DECAPE'
DECAPE' 030206_0003

DECAPE' 030206_0005

DECAPE' 030206_0006

DECAPE' 030206_0001

DECAPE' 030206_0002

DECAPE' 030206_0004

DECAPE' 030206_0007

DECAPE' 280611_0009

DECAPE' 280611_0010

IMG_3638

IMG_3640

Decapè e Mare


Il decapaggio è un’operazione effettuata per eliminare tramite soluzioni di acido (cloridrico in Italia, solforico negli USA), tensioattivi (saponi che aumentano la bagnabilità) e inibitori di corrosione o altre sostanze chimiche, la calamina, o scaglia di laminazione, e i residui di ruggine dai prodotti siderurgici laminati a caldo. Nello specifico decapare deriva dal verbo francese décaper, il cui significato è “liberare una superficie dall’impurità o dallo strato di rivestimento”. Il decapaggio, nel nostro caso, è una tecnica applicata a mobili o pavimentazioni in legno e avviene pulendo la superficie da qualsiasi sostanza sovrastante, che sia impurità, colore o vernice, scoprendo il legno stesso e rendendo visibili e puliti nodi e venature.Il legno è un materiale naturale le cui sezioni hanno una densità diversa. Quando lo si spazzola le parti più morbide vengono incise di più dalla spazzola stessa, lasciando dei piccoli solchi in cui, durante la decorazione, il colorante penetra di più. Per dare ad un mobile un aspetto vissuto, logorato o decapato, possiamo usare molte finiture diverse. Quella ottimale la scegliamo in base all’effetto che vogliamo ottenere ed al contesto in cui inserirlo. Le tonalità cromatiche da sperimentare sono molte ma tra le scelte più frequenti primeggia il bianco oppure il colore naturale del legno.